Terapia dello stress e del dolore cronico
Terapia dello stress e del dolore cronico

Analgesici antiinfiammatori

Gli antinfiammatori si suddividono in due categorie: non steroidei (FANS, farmaci antinfiammatori non steroidei, il più noto dei quali è l'aspirina) e steroidei (i cortisonici).

Dei Cortisonici tratteremo in modo più approfondito nel capitolo degli Adiuvanti.

L'uso degli antinfiammatori è stato limitato sin dall'origine dai problemi gastrici che il loro uso comportava, per esempio un rischio di ulcera gastrica aumentato di dieci volte ca. Infatti i Fans tradizionali bloccano la produzione di prostaglandine, responsabili del dolore (quindi hanno effetto analgesico) e dell'infiammazione, inibendo la cicloossigenasi, l'enzima che controlla la produzione di prostaglandine. In tal modo bloccano anche le funzioni positive delle prostaglandine, per esempio il controllo della produzione del muco gastrico che protegge lo stomaco.

Un altro effetto collaterale importante è il blocco dell'azione delle piastrine nell'ambito della coagulazione; per tale motivo possono facilitare il sanguinamento.

Dalla scoperta di P. Needleman che esistono due cicloossigenasi (1, o Cox1, e 2, o Cox2) e che solo la seconda è responsabile dei processi infiammatori (mentre la prima è quella che controlla gli aspetti positivi delle prostaglandine, come la secrezione del muco gastrico) è nata una seconda famiglia di Fans (celecoxib, rofecoxib), meno gastrolesivi. I nuovi prodotti (identificati con nomi commerciali come Celebrex, Artilog, Solexa ecc.) Dopo qualche anno di impiego, si è rilevato che i minori effetti collaterali sono controbilanciati da una minore efficacia. Negli USA (2002) è stata scoperta anche una terza variante dell'enzima Cox (Cox3) coinvolta nella genesi del dolore e della febbre. La scoperta spiega soprattutto perché il paracetamolo non ha funzione antinfiammatoria, ma è ancora prematuro pensare che possa dare origine a una terza generazione di farmaci. L'uso - Trascurando l'azione antipiretica (posseduta da aspirina, nimesulide, piroxicam, ketoprofene), gli antinfiammatori vengono normalmente assunti per alleviare il dolore (cefalee, dolori mestruali, mal di denti, mal di schiena ecc.) o per contrastare infiammazioni (muscoli, tendini, malattie reumatiche ecc.). È da rilevare che alcuni farmaci come il paracetamolo che hanno azione antipiretica non hanno nessuna azione antinfiammatoria. Le controindicazioni riguardano le patologie gastriche, l'insufficienza renale o epatica, la gravidanza, l'allattamento e le allergie individuali. L'abuso - Se gli antinfiammatori sono da considerare in occasione di patologie acute, il loro impiego in patologie croniche deve essere attentamente valutato. È veramente ottimistico pensare di risolvere un mal di schiena con pesanti assunzioni di antinfiammatori. Poiché hanno anche un effetto antidolorifico, possono mascherare il dolore illudendo di un'improbabile guarigione. Molti sono farmaci di automedicazione, è buona norma usare gli antinfiammatori solo per qualche giorno, poi sospenderli e verificare il reale effetto (cioè il miglioramento). Se una patologia richiede una somministrazione di antinfiammatori per 20 o più giorni (ammesso che il paziente la tolleri), ha una gravità tale che non è possibile un'automedicazione, essendo nettamente preferibile il ricorso a un medico algologo che, fra l'altro, può prendere in considerazione altre forme di cura.

Oltre il 60% dei soggetti risponde alla terapia con antinfiammator in dolori di bassa e media intensità, ma la risposta è individuale nei confronti dei singoli farmaci. Nella scelta dell'antinfiammatorio si deve considerare il principio attivo e il suo dosaggio. Poiché il problema maggiore è la gastrolesività, occorre tener conto non solo dei vantaggi, ma anche delle controindicazioni.

  avanti     indietro

Il Team di Dolore & Sollievo è costituito da medici algologi, psicologi ed altri operatori sanitari. Lo scopo del sito è diffondere le conoscenze relative al dolore e stress cronico ad un pubblico di non addetti ai lavori e favorire la consapevolezza del diritto ad un adeguato trattamento.Il Portale comprende anche un Blog dove, chi lo desidera, può esporre le proprie esperienze e leggere quelle degli altri, favorendo utili scambi di informazioni.Inoltre, solo per chi lo richiede, sono previsti alcuni servizi utili al paziente e al proprio Medico curante che sono forniti ad un costo minimo dovuto alle spese vive di gestione segretariale ed informatica.

I dati eventualmente registrati sono utilizzati ai soli fini dichiarati esplicitamente, nessuna informazione sarà ceduta a terzi o a società. Tutti i componenti del Team sono tenuti al più stretto segreto professionale

Medicina del Benessere

Molti Utenti del sito ci hanno chiesto di occuparci anche di quelle forme di dolore che non sono per gravità importanti, ma sono in grado di indurre uno stato di malessere. Dolori diffusi o localizzati e migranti, che sono accompagnate da malessere generale, scarsa propensione all'ottimismo, stanchezza cronica, tensione muscolare ed ansia. In effetti queste forma di dolore, in cui la componente fisica e quella psichica si sommano e si automantengono, sono tutt'altro che rare, ma poichè hanno un aspetto mutevole e poco definito finiscono per essere trascurate dal Medico e sopportate con disagio dal paziente. Insoddisfazione, paura del futuro, frustrazioni esclusione e molte altre forme di stress e disagio psichico sono spesso associate a patologie dolorose e, in questi casi, trattare il solo dolore fisico normalmente non porta ad un duraturo  miglioramento. Non sono neppure facilmente curabili con gli psicofarmaci, ricchi di effetti collaterali e alla lunga fonte di ulteriore disagio e malessere. Per affrontare queste patologie è invece necessario far ricorso a energie interne che è necessario riscoprire.

Il Team di Dolore & Sollievo si impegna anche in questo campo per fornire una ulteriore fonte di benessere a chi ne ha bisogno.

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Dolore & Sollievo Via Cassanese 194 20090 Segrate Partita IVA: